“Il diavolo veste Prada” compie 12 anni: 12 curiosità sul celebre film

12 anni fa usciva nelle sale "Il diavolo veste Prada". Ecco 12 curiosità sul celebre film con Meryl Streep ed Anne Hathaway

“Floreale? Per la primavera? Avanguardia pura” è una delle frasi più celebri e popolari del film campione di incassi “Il diavolo veste Prada”, che proprio 12 anni fa, il 30 giugno 2006, usciva nelle sale.

Basato sull’omonimo romanzo scritto da Lauren Weisberger, il film racconta la storia -vera ma un po’ romanzata- di Andy (interpretata da Anne Hathaway), una neo-laureata in cerca di lavoro che si trasferisce a New York con il sogno di fare la giornalista. Tra un colloquio e l’altro, si imbatte negli uffici della prestigiosa rivista di moda Runway, diretta dalla “gelida” Miranda Priestly (Meryl Streep). Pur non avendo nulla in comune con il mondo della moda, Andy viene assunta come seconda assistente della Priestly, che le renderà la vita più complicata del prevista e la catapulterà nel difficile -quanto insidioso- fashion system.

Per la trama affascinante e le ottime interpretazioni, il film ha ricevuto due nomination agli Oscar ed è stato anche premiato ai Golden Globes. Al cast hanno fatto parte anche volti noti del panorama della moda, tra cui la modella Gisele Bundchen nel ruolo di Serena, Heidi Klum e lo stilista Valentini Garavani che ha interpretato se stesso.

In occasione dei suoi 12 anni, scopriamo 12 curiosità su “Il diavolo veste Prada” che forse non conoscevate.

  1. Il film è tratto dalla vera storia di Lauren Weisberger. La Weisberger ha scritto il romanzo basandosi sulla sua storia, ovvero quella di assistente personale di Anna Wintour, direttrice di Vogue America.

2. La stessa Weisberger compare nel film come tata delle gemelle di Miranda Pristley.

3. Per girare il film sono bastati 57 giorni.

4. Per il ruolo di Miranda Priestly, il regista David Franklen aveva pensato anche ad Helen Mirren e Kim Basinger. Tuttavia, ad avere la meglio è stata Meryl Streep.

5. Per interpretare Miranda, Meryl Streep ha dichiarato che si è ispirata a Clint Eastwood per la voce e a Mike Nichols per il carattere gelido e distaccato.

6. Il film ha contribuito a lanciare Anne Hathaway. Grazie al ruolo di Andy, ella accrebbe la sua popolarità nell’industria cinematografica. Tuttavia, prima di lei, era stata scelta Rachel McAdams per interpretare Andy. Il ruolo passò alla Hathaway quando la McAdams rinunciò alla parte.

7. La costumista Patricia Field aveva a disposizione un budget di 100mila dollari per il guardaroba del film, ma il valore degli abiti che compaiono del film, tutti rigorosamente firmati da stilisti internazionali, ha raggiunto un milione di dollari, tant’è che alcuni sono stati richiesti in prestito.

8. Meryl Streep ha donato ad un’asta di beneficenza gli abiti da lei indossati nel film.

9. Quella che pare la scena più banale, è stata invece la più complessa da girare. La celebre scena in cui Miranda getta il cappotto sulla scrivania di Andy è stata ripetuta per ben 30 volte. Il motivo? Perché non cadeva sulla scrivania con il giusto tempismo.

10. La sede di Runway, al numero 1221 della 6th avenue, è nella realtà nel grattacielo della McGraw Hill.

11. Per prepararsi al meglio per il ruolo di Andy, Anne Hathaway ha lavorato come assistente di una casa d’aste.

12. Occhio al dettaglio. Alle spalle della scrivania di Emily, appare la copertina del nuovo numero di Runway che è ispirata a quella di un numero di Vogue del 2004 con le modelle Priscilla Presley, Lisa Marie Presley e Riley Keough.