Moda anni 50, ecco i look a cui fare riferimento

0
36
Moda anni 50

A partire dalle gonne a ruota fino ad arrivare ai bustier, senza dimenticare ovviamente i cardigan molto lunghi e pure i chemisier. Insomma, dalla moda anni 50 c’è solamente imparare e, soprattutto, ci sono numerosi elementi da cui si può prendere spunto per l’abbigliamento attuale.

Negli anni Cinquanta andavano alla grande i capi bonton e le capigliature estremamente eleganti, che ormai si vedono sempre più spesso anche ai giorni nostri. Ebbene, non si può certo dire che questa moda non si sia ispirata proprio a quei look, anche per via del fatto che la moda anni 50 rappresenta il top dal punto di vista dell’eleganza e della raffinatezza e, in modo particolare, comprende quell’aspetto vintage con cui non si sbaglia mai.

Un’altra tendenza molto interessante che si sta diffondendo in questi ultimi tempi è quella legata agli abiti caftani, che riescono ad adeguarsi ad ogni tipo di appuntamento e occasione. Quindi, vanno benissimo non solamente per recarsi in spiaggia, al mare o in piscina, ma possono tornare decisamente utili anche come abiti da sera.

I caftani sono degli abiti che hanno segnato in maniera indiscutibile la moda degli anni Cinquanta e Sessanta e fanno viaggiare con la mente verso località esotiche, puntando tutto sul fascino espresso da tessuti decisamente preziosi e, al contempo, anche molto leggeri, senza dimenticare le stupende fantasie floreali che piuttosto di frequente vengono interpretate

La storia del costume porta a pensare come Diana Vreeland sia stata la prima a lanciare il caftano tra i vari capi d’abbigliamento in Europa. Una delle imperatrici della moda, infatti, ha puntato subito fortissimo su un abito che arriva dai Paesi del Maghreb: quello che stupisce è che la tunica, di solito indossata tipicamente dagli uomini, è diventata un’icona del guardaroba di classe delle signore.

Gli stilisti hanno fin da subito apprezzato tantissimo il caftano, in grado di essere modificato e rivoluzionato seguendo le principali mode europee, senza però mai perdere quella sua anima esotica. Il caftano è stato uno dei simboli, come detto, della moda anni 50 e 60, riuscendo ad evolversi dallo stile chic che caratterizza i cocktail party delle località di mare più famose, fino a trasformarsi in una sorta di simbolo della cultura hippy.

La versione originale di questo abito è stata chiaramente modificata più e più volte, ma anche alleggerita e il caftano, in men che non si dica, è diventato uno degli indumenti che riescono maggiormente a identificarsi con la stagione estiva.